Sindrome di De Quervain: sintomi , complicanze e terapia

sindrome de quervainSindrome di De Quervain: sintomi , complicanze e terapia

Per sindrome di De Quervain in campo medico, si intende una forma particolare di tendinite (infiammazione del tendine), caratterizzata da restringimento (stenosi) o tumefazione dell’estensore breve e dell’abduttore lungo del pollice. Riguarda la guaina dei tendini estensori del pollice, che si trova a livello della stiloide radiale si avrà una discrepanza tra contenente e contenuto per cui il tendine non riuscirà più a scorrere liberamente creando dolore nei movimenti di estensione del pollice.

Eziologia

La malattia consegue spesso a microtraumatismi ripetuti, dovuti a movimenti di flesso-estensione del pollice ripetuti, come quelli che si hanno in attività quali: cucire, usare il mouse o la tastiera del pc, suonare uno strumento. Può essere correlata anche alle patologie tendinee del gomito come epicondilite ed epitrocleite

Sintomi

Fra i sintomi il più comune è il dolore che si forma in maniera aggravata se si muovono le zone interessate (polso e pollice).

Esami

Test di Finkelstein.

Per una corretta diagnosi risulta sufficiente il test di Finkelstein che consiste nell’ulnarizzazione forzata del polso, da cui una recrudescenza della sindromediquervainsintomatologia.

Con questo test si provoca uno stress sull’ abduttore lungo del pollice ed sull’ estensore breve del pollice, ponendo il pollice nel palmo di una mano chiusa a pugno e poi deviando ulnarmente il polso. Una tenosinovite modesta si può presentare con il solo dolore all’estensione contro resistenza della MCF del pollice.

Complicanze

Fra le complicanze vi è la rottura del tendine.

Terapia

Il trattamento nei casi più lievi prevede :  riposo e ghiaccio locale, mentre come somministrazione di farmaci i FANS dovrebbero essere sufficienti. Se non dovesse bastare si immobilizza la zona interessata e si usano i corticosteroidi di solito un ciclo di 3 infiltrazioni locali distanziate Nei casi più resistenti si pratica un intervento chirurgico di puleggiotomia.

L’intervento di puleggiotomia consiste in una piccola incisione cutanea dopo anestesia locale che mira a liberare i tendini del pollice mediate apertura della guaina che stringe gli stessi. I tempi di recupero sono molto rapidi; si sconsiglia di bagnare la ferita sino alla rimozione dei punti di sutura ed evitare lavori pesanti per 3 settimane. Tuttavia la mobilizzazione delle dita è immediata e con scarso dolore.

Posted in Chirurgia e Patologie della mano.